Appartamenti vacanza
sul Lago di Garda

CONTATTI
APRI FILTRI
Data arrivo/partenza
FILTRA
Località

Bardolino
Colà di Lazise
Costermano sul Garda
Garda
Lazise
Pacengo di Lazise
Peschiera del Garda
Polpenazze (Padenghe)
Sirmione
Numero ospiti

6
Camere da letto

2
Servizi

Piscina
Lavastoviglie
Lavatrice
Tv Sat

Sirmione

Città termale con 25.000 abitanti di cui il centro storico si trova in posizione unica sulla punta di una sottile penisola nel Lago di Garda, ben difesa dal porto e dal castello. Qui fu costruita nel I secolo a.C. la più grande villa romana dell’Italia settentrionale. Gli Scaligeri ricostruirono il Castello, ora restaurato, che può essere visitato. Completamente circondato dalle acque, possiede un ponte levatoio e camminamenti sulle mura da cui si può ammirare la darsena, antico rifugio della flotta scaligera. Nel borgo si può visitare la chiesa di Santa Maria Maggiore del XV secolo. Sirmione è conosciuto per le sue benefiche acque termali sulfuree che sgorgano dalla fonte termale Boiola ad una temperature di 69°C e vengono convogliate ai centri termali Catullo sulla penisola e Virgilio a Colombare du Sirmione. Il mercato settimanale si svolge di venerdì. Piacevole la passeggiata intorno alla punta di Sirmione, dal Lido Le Bionde dove troviamo vicino alla riva la fonte di acqua termale, fino alla Punta Staffalo con la sua meravigliosa villa. Sulla punta del promontorio della penisola, si ritrova la più ampia ed importante villa signorile romana dell'Italia Settentrionale, detta le "Grotte di Catullo", edificata tra il I secolo a.C. ed il I secolo d.C. La villa può essere visitata con entrata dal centro storico. I LASTRONI DI SIRMIONE Quando il livello del lago è basso è possibile camminare sui lastroni intorno alla punta della penisola. Lasciamo l’automobile sul grande parcheggio Montebaldo a 700 m dal castello e entriamo a piedi nel centro storico; troviamo l’inizio della passeggiata dietro la chiesa parrocchiale. Passiamo davanti alla fonte Boiola che si vede a distanza ed una pizzeria con spiaggetta. Passando sotto la Villa di Catullo il percorso diventa più difficile ma molto suggestivo. Sul punto più lontano dove finiscono i lastroni, vediamo un piccolo faro. Un muro con cancellata a metà strada è facilmente superabile con l’aiuto della scaletta in loco. Il percorso finisce a Punta Staffalo dove entriamo nuovamente nel centro. GROTTE DI CATULLO Percorrendo la via Catullo arriviamo alla zona archeologica delle Grotte di Catullo dove sorge la villa romana visitabile costruita tra il I secolo a.C. ed il I secolo d.C. Purtroppo di questo grandioso edificio privato sono rimaste soltanto le rovina. L'area archeologica ha un'estensione di circa 20.000 mq. e costituisce l'esempio più imponente di villa romana di tutta l'Italia settentrionale. Particolarmen-te interessante è l'Antiquarium, posizionato vicino all'ingresso del percorso archeologico; il museo espone la pianta dell'edificio romano, la documentazione fotografica degli scavi, alcuni mosaici, vari oggetti in bronzo e ceramica, alcuni mosaici pavimentali.